La versione del tuo browser non è aggiornata. Per una migliore navigazione del sito, scarica la versione più recente.

BancoPosta Obbligazionario Italia 5 anni Fondo non più in collocamento.
Collocato dal 30 ottobre 2018 al 30 gennaio 2019 (a partire dal 21 dicembre 2018 è stata sospesa l’offerta delle quote del Fondo).

Descrizione

COS’È

  • BancoPosta Obbligazionario Italia 5 anni è un fondo obbligazionario Italia gestito da BancoPosta Fondi SGR, che investe principalmente in titoli di Stato italiani, in obbligazioni emesse da società italiane e in depositi presso banche italiane.
  • Il Fondo mira a realizzare – nell’arco temporale che va dal termine del Periodo di Collocamento fino al 31 marzo 2024 (circa 5 anni) – un rendimento del portafoglio in linea con quello espresso mediamente da strumenti finanziari obbligazionari corporate e governativi di analoga durata, attraverso un investimento in titoli denominati in Euro principalmente di emittenti italiani.
  • Distribuzione di un provento fisso e predeterminato nei primi quattro anni (2,00% del valore iniziale della quota di 5€, corrispondente a 0,10€ per ciascuna quota posseduta) e un provento variabile (da 0% a 100% dei proventi conseguiti dal Fondo) nel quinto anno (vedi nota legale riportata a fondo pagina).

Composizione Media

COMPONENTE OBBLIGAZIONARIA

BancoPosta Obbligazionario Italia 5 anni investe almeno il 70% del patrimonio in titoli di Stato italiani, in obbligazioni emesse da società italiane e in depositi presso banche italiane. La restante parte, fino a un massimo del 30%, può essere investita in strumenti obbligazionari di “adeguata qualità creditizia” (c.d. investment grade) di emittenti di Paesi dell’Area Euro.

Benchmark

Dato lo stile di gestione adottato, non è possibile individuare un parametro di riferimento (benchmark) rappresentativo della politica di investimento del Fondo, ma è possibile individuare una misura di volatilità annualizzata indicativamente pari a 2,7%.

Profilo di rischio e rendimento

Il Fondo è classificato nella categoria 2, su una scala di rischio crescente che va da 1 a 7.

AVVERTENZE
I dati storici utilizzati per calcolare l'indicatore sintetico potrebbero non costituire 
un’indicazione affidabile circa il futuro profilo di rischio dell’OICR. La categoria di rischio/rendimento indicata potrebbe non rimanere invariata, e quindi la classificazione dell’OICR potrebbe cambiare nel tempo. L’appartenenza alla categoria più  bassa non garantisce un investimento esente da rischi.

Performance

Ultimi comunicati e news

Si comunica ai partecipanti che nella sezione documentazione sono disponibili il KIID ed il Prospetto validi dal 2 aprile 2022.
L'aggiornamento riguarda la variazione della categoria di rischio del fondo dall'attuale livello 3 al nuovo livello 2.
Si comunica ai partecipanti ai fondi BancoPosta Sviluppo Mix Dicembre 2021, Sviluppo Mix Marzo 2022, CedolaChiara Dicembre 2022, CedolaChiara Marzo 2023, CedolaChiara 2024 I, Cedola Dinamica Maggio 2023, Obbligazionario Italia 5 anni, Orizzonte Reddito, Mix 2, Mix 3, Focus Benessere 2024 II, Focus Digital 2025 e Focus Rilancio 2026, che il Consiglio di Amministrazione di BancoPosta Fondi S.p.A. SGR, riunitosi in data 24 febbraio 2022, sulla base delle Relazioni di gestione dei fondi al 30 dicembre 2021 e ai sensi di quanto previsto dall’art. 2, Parte B, dei relativi Regolamenti di gestione, ha deliberato di distribuire i seguenti importi per ciascuna delle quote in circolazione alla data del 24 febbraio 2022:
 
  • € 0,06250 per “BancoPosta Sviluppo Mix Dicembre 2021” (classe D);
  • € 0,06250 per “BancoPosta Sviluppo Mix Marzo 2022” (classe D);
  • € 0,06250 per “BancoPosta CedolaChiara Dicembre 2022”;
  • € 0,06250 per “BancoPosta CedolaChiara Marzo 2023”;
  • € 0,07500 per “BancoPosta CedolaChiara 2024 I”;
  • € 0,10000 per “BancoPosta Cedola Dinamica Maggio 2023”;
  • € 0,10000 per “BancoPosta Obbligazionario Italia 5 anni”;
  • € 0,10400 per “BancoPosta Orizzonte Reddito” (classe D);
  • € 0,13060 per “BancoPosta Mix 2” (classe D);
  • € 0,28510 per “BancoPosta Mix 3” (classe D);
  • € 0,07500 per “BancoPosta Focus Benessere 2024 II”;
  • € 0,07500 per “BancoPosta Focus Digital 2025”;
  • € 0,05000 per “BancoPosta Focus Rilancio 2026”.

Gli importi saranno posti in pagamento a decorrere dal 2 marzo 2022. Il valore della quota relativo al 24 febbraio 2022 tiene conto dello stacco del provento.
Si comunica ai partecipanti ai fondi BancoPosta che, nella sezione documentazione del sito, è disponibile la documentazione d’offerta aggiornata, valida dal 18 febbraio 2022.

Le modifiche principali riguardano, per tutti i fondi, l’aggiornamento dei dati periodici contenuti nel KIID e nel Prospetto.
 
Per il fondo BancoPosta Rinascimento, inoltre, si segnalano le seguenti modifiche:
  • per il Regolamento, con riferimento ai requisiti di accesso alla Classe “P”, l’introduzione di un rinvio ai limiti annui e complessivi previsti dall’art. 1, comma 101, della legge di bilancio 2017 e successive modificazioni, e la conseguente eliminazione del riferimento puntuale ai limiti annui e complessivi previsti per ogni singolo partecipante per la sottoscrizione di quote di Classe “P”. La modifica regolamentare in argomento è volta ad innalzare i limiti di investimento nei PIR, annuali e complessivi, in conformità a quanto previsto dalla legge di bilancio 2022 e rientra tra quelle che si intendono approvate “in via generale” dalla Banca d’Italia;
  • per il Prospetto e il KIID della “Classe P”, l’indicazione esplicita dei nuovi limiti annui e complessivi previsti per ogni singolo partecipante per la sottoscrizione di quote di Classe “P”, che passano dagli attuali 30.000 euro per anno solare con limite complessivo di 150.000 euro ai nuovi 40.000 euro annui con limite complessivo di 200.000 euro.
Si comunica ai partecipanti ai fondi BancoPosta Sviluppo Mix Dicembre 2021, Sviluppo Mix Marzo 2022, CedolaChiara Maggio 2022, CedolaChiara Dicembre 2022, CedolaChiara Marzo 2023, CedolaChiara 2024 I, Obbligazionario Italia 5 anni, Mix 1, Mix 2, Mix 3, Orizzonte Reddito, Cedola Dinamica Maggio 2023, Focus Benessere 2024 II e Focus Digital 2025, che il Consiglio di Amministrazione di BancoPosta Fondi S.p.A. SGR, riunitosi in data 25 febbraio 2021, sulla base delle Relazioni di gestione dei fondi al 30 dicembre 2020 e ai sensi di quanto previsto dall’art. 2, Parte B, dei relativi Regolamenti di gestione, ha deliberato di distribuire i seguenti importi per ciascuna delle quote in circolazione alla data del 25 febbraio 2021:
 
  • 0,05000 euro per “BancoPosta Sviluppo Mix Dicembre 2021” (classe D);
  • 0,05000 euro per “BancoPosta Sviluppo Mix Marzo 2022” (classe D);
  • 0,05000 euro per “BancoPosta CedolaChiara Maggio 2022”;
  • 0,06250 euro per “BancoPosta CedolaChiara Dicembre 2022”;
  • 0,06250 euro per “BancoPosta CedolaChiara Marzo 2023”;
  • 0,07500 euro per “BancoPosta CedolaChiara 2024 I”;
  • 0,09865 euro per “BancoPosta Cedola Dinamica Maggio 2023”;
  • 0,10000 euro per “BancoPosta Obbligazionario Italia 5 anni”;
  • 0,10200 euro per “BancoPosta Orizzonte Reddito” (classe D);
  • 0,09330 euro per “BancoPosta Mix 1” (classe D);
  • 0,11080 euro per “BancoPosta Mix 2” (classe D);
  • 0,12130 euro per “BancoPosta Mix 3” (classe D);
  • 0,05000 euro per “BancoPosta Focus Benessere 2024 II”;
  • 0,07500 euro per “BancoPosta Focus Digital 2025”.
Gli importi saranno posti in pagamento a decorrere dal 3 marzo 2021. Il valore della quota relativo al 25 febbraio 2021 tiene conto dello stacco del provento.
Si comunica ai partecipanti ai fondi BancoPosta che nella sezione documentazione del sito è disponibile la documentazione d’offerta aggiornata, valida dal 17 febbraio 2021.

Le modifiche riguardano:
  • la composizione del Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale della SGR e l’elenco delle attività esternalizzate da parte della SGR;
  • per tutti i fondi, l’aggiornamento dei dati periodici contenuti nel KIID e nel Prospetto;
  • per i fondi la cui offerta è in corso, obblighi informativi previsti dal Regolamento Disclosure (Reg. UE n. 2088/2019) e riconducibili all’utilizzo di benchmark forniti da amministratori del Regno Unito;
  • per “BancoPosta Progetto Giugno 2023”, la variazione del grado di rischio da 4 a 3;
  • per i fondi BancoPosta Focus Benessere 2024 e Focus Benessere 2024 II, la variazione del grado di scostamento dal benchmark da “significativo” a “rilevante”.
Vedi tutti

La distribuzione potrebbe non rappresentare il risultato effettivo della gestione del Fondo nel periodo preso in considerazione. Pertanto, l’ammontare distribuito potrebbe essere superiore al risultato effettivo della gestione del Fondo, rappresentando in tal caso un rimborso parziale del valore delle quote e quindi una diminuzione del loro valore.

Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. Questa è una comunicazione di marketing. Prima di adottare qualsiasi decisione di investimento, è necessario leggere il Prospetto, il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (il “KIID”), e il modulo di sottoscrizione, così come il Regolamento di gestione. Questi documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere ottenuti in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito web di BancoPosta Fondi SGR (bancopostafondi.it), presso il Collocatore Poste Italiane S.p.A. – Patrimonio BancoPosta e sul sito web poste.it. È inoltre possibile ottenere copie cartacee di questi documenti presso BancoPosta Fondi SGR su richiesta. I KIID sono disponibili nella lingua ufficiale locale del Paese di distribuzione. Il Prospetto è disponibile in italiano. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Non vi è garanzia di ottenere uguali rendimenti per il futuro. L'accesso e l'utilizzo del presente sito è regolato da Limiti e condizioni

Crescere  Sostenibili
BancoPosta Fondi S.p.A. SGR con Socio Unico
Sede legale e amministrativa: Viale Europa, 190 - 00144 Roma - Fax 06 98680509
Codice Fiscale, Partita IVA e Registro delle Imprese di Roma n. 05822531009 - Capitale Sociale int. vers. Euro 12.000.000
Iscritta al n. 23 dell’Albo delle Società di Gestione del Risparmio (Sezione Gestori di OICVM)
Aderente al Fondo Nazionale di Garanzia

vai a inizio pagina